Notifica atti giudiziari, termina monopolio Poste Italiane s.p.a.

 La legge per il mercato e la concorrenza (legge n° 124/2017), oltre all’obbligatorietà del preventivo, alle nuove Società tra Avvocati (STA), nonché alla modifica di diverse disposizioni del Codice delle Assicurazioni Private, ha decretato la soppressione del monopolio di Poste Italiane per i servizi relativi alla notifica degli atti giudiziari e delle violazioni del Codice della Strada.

Dal prossimo 10 settembre, gli Enti locali e le Amministrazioni pubbliche in generale, con provvedimento dirigenziale, potranno scegliere di avvalersi, per la notifica dei loro atti, aziende private di recapito postale.

Tuttavia, per queste tipologie di atti viene imposto ai privati di osservare gli “specifici obblighi del servizio universale con riguardo alla sicurezza, alla qualità, alla continuità, alla disponibilità e all’esecuzione dei servizi medesimi”.

Questa nuova disposizione elimina qualsiasi dubbio, sollevato da parte della giurisprudenza tributaria, sui soggetti legittimati a notificare alcune tipologie di atti, in particolar modo accertamenti, cartelle, ingiunzioni e ricorsi tributari.

Con l’ingresso di soggetti privati nel mercato probabilmente le spese di notifica saranno ridotte

Avv. Armando Rossi
Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli

RELATED POSTS